Cerca il mio libro quà - Clicca nell'immagine sotto - poi Scrivi nel sito: Paolo Buonarroti

sabato 22 marzo 2014

Olio essenziale di niaouli per la micosi (funghi) dei piedi

Oggi vorrei condividere con voi un'esperienza pratica che ha confermato l'azione antimicotica di un olio essenziale studiata nei confronti dell'onicomicosi (micosi delle unghie) dei piedi.

Un mio amico mi raccontava di avere da diversi anni un fungo ad un piede, e di non essere riuscito a toglierlo nè con cure farmacologiche locali, nè con le forme assunte per via orale, peraltro a sua detta piuttosto costose.

Parlando, dal momento che conosceva i miei studi in aromaterapia, mi ha chiesto di indicargli un olio essenziale che potesse essere utile per un caso come il suo.

Quindi gli ho fatto presente che in letteratura aromaterapica da anni sono riconosciute le proprietà antimicotiche dell'olio essenziale di niaouli (malaleuca viridiflora), che potevano quindi rilevarsi utili ed efficaci per il suo caso di un fungo all'unghia dell'alluce di un piede, evidentemente resistente anche ai farmaci più potenti.

In poche settimane, grazie ad una applicazione locale di poche gocce di questo olio essenziale direttamente sull'unghia del piede, che peraltro ha un costo modesto (circa 12 euro per 10 ml) questo problema è stato risolto.


Questo come molti altri casi mettono in evidenza come una persona, che per abitudine impiega solo farmaci per risolvere un problema, provi a impiegare un rimedio naturale solo dopo aver provato in tutti i modi di avere un risultato soddisfacente con i tradizionali farmaci.

Io stesso per la mia allergia solo dopo 5 anni di impiego di antistaminici farmacologici mi sono deciso a provare un rimedio naturale, in questo caso il gemmoderivato di ribes nero, solo dopo una assuefazione a ogni dosaggio tollerabile, e nonostante diversi cambi di tipologia di farmaco.


E' importante comprendere quindi che, nonostante non siano stati tuttora fatti studi su un alto numero di pazienti di questi due, come di molti altri rimedi naturali, esiste una letteratura scientifica che ha già dimostrato in vitro, cioè in laboratorio le proprietà efficaci dei rimedi naturali.

Importantissimo notare poi la sostanziale differenza tra un rimedio naturale ed uno farmacologico, sintetizzato in laboratorio:

un rimedio naturale è un'armonia di più principi attivi, che hanno quindi un'azione molteplice e drenante, disintossicante dell'organismo, mentre un farmaco contiene solo un principio attivo, raramente due, che ha solo un'azione, raramente pià di una, intossica l'organismo, da effettti collaterali quasi onnipresenti, magari in una zona del corpo diversa da quella del problema su cui dovrebbe agire, e quindi alla lunga tende a far nascere un problema diverso da quello che si ha, e tende a portare all'assuefazione.


Converebbe a tutti noi quindi, provare, quando abbiamo un problema di salute, cercare tra i nostri conoscenti qualcuno che abbia già sperimentato con successo un rimedio naturale, e poi chiedere ad un esperto se questo rimedio possa essere utile anche al caso nostro!









Leggi tutto...